Скачать fb2
Incubo di Vargas

Incubo di Vargas

Аннотация

    Anche pubblicato come “Incubo stellare” e “Incubo a occhi aperti”.


Fredric Brown Incubo di Vargas

1. Cadavere a cinque vite

    Tutto ebbe inizio come un semplice caso di omicidio. Questo era già un guaio in se stesso, perché era il primo omicidio che si verificava nei cinque anni da che Rod Caquer era tenente di polizia nel Settore Tre di Callisto.
    Il Settore Tre era orgoglioso di quel record, o almeno lo era stato finché quel record era andato a pallino.
    Ma prima che la faccenda venisse chiusa, nessuno sarebbe stato più felice di Rod Caquer se quel caso fosse rimasto appunto un semplice caso di omicidio… senza ripercussioni cosmiche.
    Tutto cominciò quando il cicalino di Rod Caquer gli fece alzare lo sguardo verso il videoschermo, su cui era comparsa l’immagine di Barr Maxon, Reggente del Settore Tre.
    — Buongiorno, Reggente. — disse Caquer in tono allegro. — Bel discorso quello che lei ha tenuto ieri sera al…
    Maxon gli tagliò la frase a metà. — Grazie, Caquer, — rispose. — Lei conosce Willem Deem?
    — Il proprietario del negozio di libri e bobine? Si, abbastanza.
    — È morto, — annunciò Maxon. — Sembra che si tratti di un delitto. Sarà meglio che lei corra là.
    La sua immagine sparì dallo schermo prima che Caquer potesse fargli delle domande. Ma tanto le domande potevano aspettare. Adesso era già in piedi e si stava affibbiando la daga.
    Un delitto su Callisto? Non sembrava davvero possibile, ma se era davvero successo, allora doveva sbrigarsi ad arrivare sul luogo. Di corsa, se voleva avere il tempo di dare un’occhiata al corpo prima che lo portassero all’inceneritore.
    Su Callisto i corpi non vengono mai conservati per più di un’ora dopo la morte a causa delle spore di hylra che, sia pure in minute quantità, sono sempre presenti in quell’atmosfera così rarefatta. Naturalmente queste spore sono innocue per i tessuti vivi, ma accelerano tremendamente il ritmo di putrefazione di qualsiasi materia animale morta.
    Quando il tenente Caquer arrivò, senza fiato, al negozio di libri e bobine, dalla porta stava uscendo il dottor Skidder, il Medico Capo.
    Il medico indicò col pollice qualcosa alle sue spalle. — Meglio che si sbrighi se vuole dare un’occhiata, — disse a Caquer. — Lo stanno portando via dal retro. Ma ho esaminato…
    Caquer gli passò davanti di corsa e raggiunse gli uomini in uniforme bianca del Servizio Sanitario proprio sulla porta posteriore del negozio.
    — Salve, ragazzi, lasciatemi dare un’occhiata, — gridò Caquer mentre tirava indietro il lenzuolo che copriva la cosa stesa sulla barella.
    La vista del cadavere gli diede un leggero voltastomaco, ma non c’erano dubbi sull’identità del cadavere né sulla causa della morte. Purtroppo aveva sperato invano, contro ogni ragionevole speranza, che si potesse trattare di una morte accidentale, dopo tutto. Ma quel cranio era stato spaccato in due fino alle sopracciglia… un colpo inferto da un uomo molto forte con una pesante daga.
    — Meglio che ci lasci andare, tenente. È già passata quasi un’ora da quando l’hanno trovato.
    Il naso di Caquer confermò quelle parole e il tenente ricoprì rapidamente il corpo con il lenzuolo, mentre gli uomini del Servizio Sanitario lo trasferivano a bordo del lucente furgoncino bianco parcheggiato appena fuori della porta.
    Il tenente ritornò nel negozio, pensieroso, e si guardò attorno. Tutto sembrava in ordine. Le lunghe scansie di merci cellofanate erano in perfetto ordine. La fila di cabine sull’altro lato, alcune munite di ingranditore per i clienti dei libri e altri di proiettori per coloro che erano interessati ai microfilm, erano tutte vuote e silenziose.
    Davanti alla porta si era raccolta una piccola folla di curiosi, ma Brager, uno dei poliziotti, li stava tenendo alla larga.
    — Ehi, Brager, — disse Caquer e l’agente entrò nel negozio chiudendo dietro di sé la porta.
    — Sì, tenente?
    — Lei ne sa niente? Chi l’ha trovato, e quando, e così via?
    — L’ho trovato io, quasi un’ora fa. Stavo passando di qua durante il giro di pattuglia quando ho sentito lo sparo.
    Caquer lo guardò senza espressione.
    — Lo sparo? — ripeté.
    — Sì. Sono corso dentro e l’ho visto steso a terra, morto. Non c’era nessun altro nel negozio. Io sapevo che non era uscito nessuno dall’entrata principale così sono corso sul retro, ma anche dalla porta posteriore non ho visto nessuno. Così sono tornato indietro e ho telefonato.
    — A chi? Perché non mi hai chiamato immediatamente, Brager?
    — Mi spiace, tenente, ma ero così agitato che ho premuto il pulsante sbagliato e ho chiamato il Reggente. Gli ho detto che qualcuno aveva sparato a Deem e lui mi ha detto di rimanere di guardia, che avrebbe pensato lui a chiamare il medico, e quelli del Servizio Sanitario e lei.
    In quell’ordine? si chiese Caquer. Evidentemente sì, perché lui era stato l’ultimo ad arrivare.
    Ma lasciò perdere quella questione per qualcosa di più importante… il fatto di Brager che aveva sentito uno sparo. Questo non aveva senso, a meno che… no, anche quello era assurdo. Se qualcuno aveva sparato a Willem Deem, il Medico non gli avrebbe certo spaccato in due il cranio per fargli l’autopsia.
    — Come sarebbe a dire che ha sentito uno sparo, Brager? — chiese Caquer. — Si riferisce proprio a un’arma esplosiva di vecchio tipo?
    — Sì, — rispose Brager. — Non ha visto il cadavere? Un foro proprio sopra il cuore. Un foro di pallottola, direi. Non ne avevo mai visto uno prima d’ora. Non sapevo che ci fosse un’arma da fuoco su Callisto. Le avevano messe al bando ancora prima dei disintegratori.
    Caquer fece un lento cenno d’assenso.
    — Lei… lei non ha visto segni di altre… uh… ferite? — insistette.
    — Per la Terra, no! Perché avrebbero dovuto esserci altre ferite? Un foro dritto nel cuore di un uomo è più che sufficiente per ucciderlo, non trova?
    — Dov’è andato il dottor Skidder quando è uscito di qui? — indagò Caquer. — Gliel’ha detto?
    — Sì, ha detto che lei avrebbe voluto vedere il suo rapporto, perciò sarebbe tornato in ufficio e avrebbe aspettato che lei lo raggiungesse o gli telefonasse. Cosa vuole fare, tenente?
    Caquer rifletté un attimo.
    — Vada alla porta accanto e usi il visifono di là, Brager… questo serve a me, — disse alla fine Caquer. — Si procuri altri tre uomini e poi voi quattro passate al setaccio questo isolato e interrogate tutti.
    — Vuol dire che vuole sapere se hanno visto qualcuno correre fuori dal retro, se hanno sentito uno sparo eccetera eccetera? — chiese Brager.
    — Sì. E anche tutto quello che possono sapere su Deem, o su chi poteva avere una ragione per… sparargli.
    Brager salutò e uscì.
    Caquer si collegò col dottor Skidder. — Pronto, dottore, — disse. — Mi dica tutto.
    — Niente di più di quello che si vedeva subito a occhio, Rod. Disintegratore, naturalmente. A distanza ravvicinata.
    Il tenente Rod Caquer cercò di non cadere. — Me lo ripeta, dottore.
    — Che le prende, — brontolò Skidder. — Mai visto un morto da disintegratore prima d’ora? Ma forse no, Rod, lei è troppo giovane. Ma cinquant’anni fa, quando io ero ancora studente, di tanto in tanto ce n’era qualcuno.
    — Com’è che è morto?
    Il dottor Skidder apparve sorpreso. — Oh, ma allora non ha fatto in tempo a raggiungere gli uomini del Servizio Sanitario. Un colpo alla spalla sinistra, ha bruciato tutta la pelle e la carne, carbonizzando l’osso. In effetti la morte è sopraggiunta per chock… il colpo in se stesso non aveva raggiunto una zona vitale. Non che la bruciatura non sarebbe stata fatale, però. Ma lo chock ha provocato una morte istantanea.
    I sogni sono proprio così, sì disse Caquer.
    In sogno le cose avvengono senza una logica, pensò, ma adesso io non sto sognando. Questa è la realtà.
    — Qualche altra ferita o segni sul corpo? — chiese lentamente.
    — Nessuno. Io le consiglierei di concentrarsi sulla ricerca di quell’arma, Rod. Frughi in tutto il Settore Tre, se necessario. Lei sa com’è fatto un disintegratore, no?
    — Ho visto delle fotografie, — rispose Caquer. — Fanno del rumore, dottore? Non ne ho mai visto usare uno.
    Il dottor Skidder scosse la testa. — C’è un lampo e si sente un sibilo, ma nessuna detonazione.
    — Impossibile scambiarlo per un colpo d’arma da fuoco?
    Il dottore lo fissò con tanto d’occhi.
    — Vuol riferirsi a un’arma esplosiva? Certo che no. Si sente solo un debole ssss. Non lo si potrebbe sentire a più di tre metri di distanza.
    Quando il tenente Caquer ebbe spento il visifono, si sedette e chiuse gli occhi per concentrarsi. Adesso doveva cercare di trarre una conclusione sensata da tre osservazioni contrastantì tra di loro. La sua, quella dell’agente di pattuglia e quella del medico.
    Brager era stato il primo a vedere il corpo e aveva detto di aver visto un foro sopra il cuore. E che non c’erano altre ferite. Aveva sentito la detonazione.
    E se Brager avesse mentito? pensò Caquer. La faccenda continuava a non avere senso, perché secondo il dottor Skidder non c’era nessun foro di pallottola ma solo la ferita di un disintegratore. E Skidder aveva visto il cadavere dopo di Brager,
    Teoricamente qualcuno poteva avere usato in quell’intervallo un disintegratore su un uomo già morto. Ma…
    Ma questo non spiegava la ferita alla testa, né il fatto che il medico non avesse visto il foro della pallottola.
    In via del tutto teorica, qualcuno avrebbe potuto naturalmente colpire il cranio con una spada nell’intervallo di tempo tra il momento in cui Skidder aveva fatto l’autopsia e il momento in cui lui, Rod Caquer, aveva visto il corpo. Ma…
    Ma questo non spiegava come mai non avesse visto la spalla carbonizzata quando aveva sollevato il lenzuolo dal corpo steso sulla barella. Gli sarebbe potuto sfuggire il foro della pallottola, anche se sarebbe stato difficile, ma non gli sarebbe potuto sfuggire di vedere una spalla nelle condizioni descritte dal dottor Skidder.
    Continuò a rimuginarci attorno, finché non arrivò all’unica spiegazione possibile. Il Medico Capo mentiva per chissà quale folle ragione. In quanto alla storia di Brager poteva essere vera in toto. Questo naturalmente significava che a lui, Rod Caquer, era sfuggito il foro di pallottola visto da Brager, ma questo era possibilissimo.
    La storia di Skidder però non poteva essere vera. Poteva essere stato Skidder stesso, al momento dell’autopsia, a infliggere quella ferita alla testa. E avrebbe potuto mentire riguardo la ferita alla spalla. Ma perché avesse fatto una o l’altra delle due cose, a meno di non essere pazzo, Caquer non riusciva proprio a immaginarlo. Tuttavia quello era l’unico modo in cui poteva riconciliare tutti i fattori.
    Ma ormai il corpo era stato eliminato. E sarebbe stata solo la sua parola contro quella del dottor Skidder…
    Ma un momento! I due uomini del Servizio Sanitario dovevano aver visto il cadavere quando l’avevano messo sulla barella.
    Caquer si alzò in piedi davanti al visifono e ottenne subito il collegamento con la centrale del Servizio Sanitario.
    — I due incaricati che hanno portato via un corpo dal Negozio 9364 meno di un’ora fa… sono già rientrati? — chiese.
    — Un momento, tenente… Sì, uno di loro aveva finito il suo turno ed è tornato a casa. L’altro è ancora qui.
    — Me lo passi.
    Rod Caquer riconobbe subito l’uomo che era apparso nel raggio d’azione dello schermo. Era proprio quello che gli aveva detto di sbrigarsi.
    — Sì, tenente? — chiese l’uomo.
    — Lei ha aiutato a mettere il corpo sulla barella?
    — Naturalmente.
    — Secondo lei, quale è stata la causa della morte?
    L’uomo vestito di bianco rifletté un’espressione assolutamente sorpresa.
    — Ma mi vuole prendere in giro, tenente? — sogghignò. — Perfino un idiota avrebbe visto cos’era successo a quel baccalà.
    Caquer aggrottò la fronte.
    — Ciò nonostante ci sono delle dichiarazioni contrastanti e vorrei la sua opinione.
    — Opinione? Quando un tizio ha avuto la testa tagliata, che contrasto d’opinioni vuole che ci sia, tenente?
    Caquer si costrinse a parlare con calma. — L’uomo che è venuto con lei sarà disposto a confermarlo?
    — Naturalmente. Per gli oceani della Terra! Abbiamo dovuto caricare il cadavere sulla barella in due pezzi. Abbiamo tirato su il cadavere in due e poi Walter ha raccolto la testa e l’ha posata accanto al tronco. L’omicidio è stato provocato da un raggio disintegratore, vero?
    — Lei ne ha parlato col suo collega? — chiese Caquer. — Non c’è stata divergenza di opinione fra di voi riguardo i… um… particolari?
    — In effetti sì. È per questo che le ho chiesto se è stato un disintegratore. Dopo che avevamo cremato il cadavere, Walter ha cercato di dirmi che il taglio era slabbrato come se qualcuno avesse vibrato diversi colpi con un’ascia o un’arma simile. Ma il taglio era netto, invece.
    — Ha notato se c’era traccia di un colpo inferto sulla sommità del cranio?
    — No. Ehi, tenente, lei non ha una gran bella cera. Non si sente forse bene?

2. Terrore di notte

    Questo era il quadro che si presentava davanti a Rod Caquer e nessuno poteva biasimarlo se cominciava a desiderare che si trattasse di un semplice caso di omicidio.
    Qualche ora fa gli era sembrato odioso che il record di zero delitti di Callisto fosse saltato, ma adesso il caso appariva ancora peggiore. Non sapeva ancora, però, che sarebbe peggiorato ancora e che quello era solo l’inizio.
    Erano le otto di sera adesso e Caquer era ancora nel suo ufficio con una copia del Modulo 812 davanti a sé, sulla superficie in duroplast della scrivania. C’erano delle domande su quel modulo, in apparenza molto semplici.

    Nome del deceduto: Willem Deem
    Professione: Proprietario di negozio libri e bobine
    Residenza: Appart. 8250, S.T., Cisto
    Luogo di lavoro: Negozio 9364, S.T., Cisto
    Ora del decesso: Ore 15 circa, Tempo Std? Cisto
    Causa della morte:

    Sì, le prime cinque domande erano state facilissime. Ma la sesta? Era un’ora ormai che la stava fissando come ipnotizzato. Un’ora di Callisto, non lunga quanto quella della Terra, ma abbastanza lunga quando si fissa una domanda del genere.
    Ma, maledizione!, doveva pur scrivere qualcosa.
    Invece allungò la mano verso il pulsante del visifono e un istante dopo Jane Gordon lo fissò dallo schermo. Anche Rod Caquer la fissò, perché in effetti la ragazza era qualcosa che meritava di essere guardata.
    — Ciao, Ghiacciolo, — le disse. — Temo proprio che stasera non mi sarà possibile venire. Mi perdoni?
    — Naturalmente, Rod. Che c’è? La faccenda Deem?
    Rod annuì tristemente. — Scartoffie. Un sacco di moduli e rapporti che devo compilare per il Coordinatore di Settore.
    — Oh. Com’è stato ucciso, Rod?
    — Il paragrafo 65 del regolamento, — le rispose con un sorriso, — vieta di fornire a un civile i particolari di un crimine ancora irrisolto.
    — Al diavolo il paragrafo 65. Papà conosceva bene Willem Deem e Deem è stato spesso nostro ospite. Praticamente era un amico di famiglia.
    — Praticamente? — indagò Caquer. — Allora mi pare di capire che non ti era simpatico, Ghiacciolo?
    — Be’… direi di no. Era interessante da ascoltare, ma era anche un mostriciattolo sarcastico, Rod. Penso che avesse un pervertito senso dell’umorismo. Come è stato ucciso?
    — Se te lo dico, prometti di non fare altre domande? — chiese Caquer con un sospiro.
    Gli occhi di lei si illuminarono bramosi. — Naturalmente.
    — Gli hanno sparato, — rispose Caquer; — con un’arma da fuoco e con un disintegratore. Qualcuno gli ha spaccato il cranio con una spada, gli ha tagliato via la testa con un’ascia e con un raggio disintegratore. Poi, dopo che era già stato steso sulla barella di quelli del Servizio Sanitario, qualcuno gli ha rimesso la testa a posto perché quando l’ho visto io la testa l’aveva attaccata al busto. E gli ha otturato il foro della pallottola e…
    — Rod, smettila di dire fesserie, — lo interruppe la ragazza. — Se non vuoi dirmelo, sta bene.
    Rod le sorrise. — Non arrabbiarti. Dimmi, come sta papà?
    — Molto meglio. Adesso dorme ed è decisamente in fase di ripresa. Credo che per la settimana prossima tornerà all’università. Rod, hai l’aria stanca. Per quando devi consegnate quei moduli?
    — Entro ventiquattro ore dal crimine. Ma…
    — Ma, niente. Vieni subito qui. Potrai compilare quei dannati moduli domattina.
    Lei gli sorrise e Caquer si sentì più debole. Non stava ottenendo niente, no?
    — D’accordo, Jane, — disse. — Ma prima devo passare dal centro pattuglie. Ho fatto passare al pettine l’isolato in cui è avvenuto il delitto e voglio sentire il rapporto.
    Ma il rapporto che trovò ad attenderlo non lo illuminò affatto. L’isolato era stato passato al pettine ma non si erano ottenute informazioni degne di sorta. Nessuno era stato visto entrare o uscire dal negozio di Deem prima dell’arrivo di Brager e nessuno dei vicini di Deem sapeva dire se aveva avuto nemici. Nessuno aveva sentito spari.

    Rod Caquer grugni e si ficcò i rapporti in tasca e si chiese, mentre andava dai Gordon, come avrebbe proseguito le indagini. Cosa doveva fare un investigatore per risolvere un delitto?
    In effetti quando qualche anno prima era ancora uno studente sulla Terra, aveva letto che di solito un investigatore intrappolava il colpevole scoprendo una discrepanza tra le sue varie dichiarazioni. E generalmente questo avveniva anche in maniera piuttosto drammatica.
    C’era Wilder Williams, il più grande di tutti gli investigatori narrativi, che poteva guardare un uomo e dedurne l’intera storia della sua vita dal taglio dei vestiti e dalla forma delle mani. Ma Wilder Williams non si era mai trovato sul gobbo una vittima che era stata uccisa in tanti modi quanti erano i testimoni che l’avevano vista.
    Il tenente passò una piacevole, anche se futile, serata con Jane Gordon, le chiese di nuovo di sposarlo e di nuovo ottenne un rifiuto. Ma ormai ci era abituato. Quella sera la ragazza era un po’ più fredda del solito, probabilmente perché si era seccata per la sua riluttanza a parlarle di Willem Deem.
    Poi a casa, a letto.
    Fuori dalla finestra del suo appartamento, una volta spenta la luce, poteva vedere la mostruosa palla di Giove incombere bassa nel cielo verde-nero di mezzanotte. Rod, steso sul Ietto, la fissò finché gli parve di riuscire ancora a vederla dopo che aveva chiuso gli occhi.
    Willem Deem, deceduto. Cosa avrebbe fatto al riguardo? Ci girò attorno finché alla fine non emerse dal caos un pensiero ben preciso.
    L’indomani mattina avrebbe parlato col Medico. Senza menzionare la ferita di spada alla testa, avrebbe chiesto a Skidder del foro di pallottola che Brager sosteneva di aver visto nella zona del cuore. E se Skidder avesse continuato a sostenere che la bruciatura di disintegratore era l’unica ferita di Deem, allora avrebbe chiamato Brager e l’avrebbe messo a confronto col Medico.
    E poi… Be’, si sarebbe preoccupato del da farsi quando sarebbe stato il momento. Altrimenti non sarebbe mai riuscito a prendere sonno.
    Pensò a Jane e si addormentò.

    Dopo un po’, cominciò a sognare. Ma era davvero un sogno? Se così, sognava di essere sdraiato sul letto, quasi, ma non del tutto sveglio, e che dagli angoli della stanza provenivano dei sussurri. Sussurri dalle tenebre.
    Perché il mastodontico Giove si era spostato in cielo adesso. La finestra formava un riquadro scuro appena evidente e il resto della stanza era immersa in un buio totale.
    Sussurri!
    — …uccidili!
    — Tu li odi, tu li odi, tu li odi.
    — …uccidili, uccidili, uccidili!
    — Il Settore Due ha tutti i vantaggi e il Settore Tre fa tutto il lavoro. Loro sfruttano le nostre piantagioni di Corla. Loro sono malvagi. Uccidili, prendi il sopravvento.
    — Ti li odi, tu li odi, tu li odi.
    — Il Settore Due è composto tutto di pappemolle e usurai. Hanno nel sangue la tara dei marziani. Versalo, versa sangue marziano. È il Settore Tre che dovrebbe governare Callisto. Il tre è un numero mistico. Noi siamo destinati a governare Callisto.
    — Tu li odi, tu li odi.
    — …uccidili, uccidili, uccidili.
    — Sangue marziano di malvagi usurai. Tu li odi, tu li odi, tu li odi.
    Sussurri.
    — Andiamo… adesso… adesso.
    — Uccidili, uccidili.
    — Trecento chilometri attraverso distese pianeggianti. Arrivate in un’ora a bordo di monocar. Attaccate di sorpresa. Adesso.
    E Rod Caquer si trovò a scendere dal letto, brancolando alla cieca alla ricerca degli abiti da indossare, senza accendere la luce perché questo era un sogno e i sogni avvengono nelle tenebre.
    La sua daga era nel fodero appeso alla cintura, la tirò fuori e ne saggiò il filo e il filo era tagliente e pronto a versare il sangue del nemico che avrebbe ucciso.
    Adesso era pronta a sollevarsi in archi di morte rossa, la sua daga che ancora non aveva conosciuto il sangue, l’anacronistica spada che era il suo distintivo di autorità, l’emblema del suo ufficio. Non aveva mai sguainato la daga in un impeto di collera, un tozzo simbolo di spada, lunga neanche mezzo metro, sufficiente però per arrivare al cuore… dieci centimetri per arrivare al cuore.
    I sussurri continuarono.
    — Tu li odi, tu li odi, tu li odi.
    — Versa il sangue malvagio; uccidi, versa, uccidi, versa.
    — Adesso, adesso, adesso, adesso.
    Con la spada sguainata in pugno, ora Caquer scivolava in silenzio verso la porta, giù per le scale, passando davanti alle porte degli altri appartamenti.
    Anche altre porte si aprivano. Non era solo nelle tenebre. Altre figure si muovevano accanto a lui nel buio.
    Scivolò fuori della porta nelle fredde tenebre della strada, in quella strada che avrebbe dovuto essere illuminata in modo brillante. Ecco un’altra prova che si trattava tutto di un sogno. Quei lampioni non erano mai spenti dopo il tramonto. Dal tramonto all’alba non erano mai spenti.
    Ma Giove, sospeso là sopra l’orizzonte, forniva abbastanza luce da vedere in giro. Era simile a un tondo drago dei cieli e la macchina rossa assomigliava a un maligno occhio rosso.
    Sussurri esaltati nella notte, sussurri tutt’attorno a lui.
    — Uccidi… uccidi… uccidi…
    — Tu li odi, tu li odi, tu li odi.
    I sussurri non provenivano dalle figure oscure attorno a lui. Come lui, anch’esse tirarono avanti.
    I sussurri venivano dalla notte stessa, sussurri che ora cominciarono a cambiare tono.
    — Aspetta, non stasera, non stasera, non stasera, — dicevano.
    — Torna indietro, torna indietro, torna indietro.
    — Torna indietro a casa tua, torna nel tuo letto, torna a dormire.
    E le figure attorno a lui rimasero immobili, irresolute quanto lui adesso, poi, quasi simultaneamente, anch’esse cominciarono a ubbidire ai sussurri. Si voltarono e ritornarono da dove erano venuti, e altrettanto silenziosamente…

    Rod Caquer si svegliò con un legger mal di testa e una chiara sensazione di doposbronza. Il sole, minuscolo, ma brillante, era già ben alto nel cielo.
    L’orologio gli mostrò che era un po’ più in ritardo del solito, ma prese tempo per stare a letto ancora qualche minuto, ricordando il sogno senza capo né coda che aveva fatto. I sogni erano così; bisognava pensarci immediatamente appena svegli, altrimenti si dimenticavano totalmente.
    Era stato un sogno ben stravagante. Un sogno folle e senza senso. Un ritorno di atavismo, forse? Un ritorno ai giorni in cui la gente passava metà del tempo a scannarsi, un ritorno ai giorni delle guerre, dell’odio e della lotta per la supremazia.
    Tutto questo avveniva prima che il Consiglio Solare, che si era riunito prima su un pianeta disabitato, poi su un altro, avesse portato l’ordine con il suo arbitrato, e poi l’unione. Le parti abitate dal sistema solare, la Terra, Venere, Marte e le lune di Giove, erano tutte sotto un unico governo.
    Ma in quei lontani giorni di sangue, la gente doveva aver provato quella sensazione che aveva provato anche lui nel suo sogno atavico. Quei lontani giorni in cui la Terra, unita dalla scoperta del volo spaziale, aveva soggiogato Marte, l’unico altro pianeta già abitato da una razza intelligente e poi aveva seminato colonie ovunque l’Uomo aveva potuto posare stabilmente il piede.
    Alcune di quelle colonie avevano voluto l’indipendenza e, dopo, la supremazia. I secoli di sangue, ecco come venivano ora chiamati quei tempi.
    Mentre scendeva dal letto per vestirsi, vide qualcosa che lo confuse e lo turbò. I suoi abiti non erano ben ripiegati sullo schienale della sedia accanto al letto come li aveva lasciati. Invece erano disseminati sul pavimento, come se si fosse svestito in fretta e sbadatamente al buio.
    — Per la Terra! — pensò. — Ieri sera sono forse andato in sonnambulo? Mi sono veramente alzato e sono sceso in strada quando ho sognato di averlo fatto? Quando me l’hanno detto quei sussurri?
    — No, — si disse, poi. — Io non ho mai camminato nel sonno prima d’ora e ieri non è stato diverso. Devo essere stato semplicemente distratto quando mi sono svestito. Infatti pensavo al caso Deem e non mi ricordo di avere effettivamente piegato gli abiti sulla sedia.
    Così indossò rapidamente la sua uniforme e si affrettò a raggiungere l’ufficio. Alla luce del mattino fu facile riempire quei moduli. Alla voce — Causa della morte, — scrisse, — Il Medico Capo riferisce che la morte è stata provocata da shock, dovuto a scarica di disintegratore.
    Questo lo tolse dall’impaccio; lui non aveva detto qual era la causa della morte, ma solo ciò che sosteneva il Medico Capo.

3. Indice nero

    Chiamò un fattorino e gli consegnò i rapporti con l’istruzione di portarli di corsa all’astronave postale che sarebbe partita fra breve. Poi telefonò a Barr Maxon.
    — Rapporto sull’affare Deem, Reggente, — disse. — Mi spiace, ma siamo ancora in alto mare. Non è stato visto nessuno allontanarsi dal negozio. Tutti i vicini sono stati interrogati. Oggi parlerò con tutti i suoi amici.
    Il Reggente Mason scosse la testa.
    — Usi tutti i jet, tenente, — gli rispose. — Questo caso deve essere risolto. Un delitto in questo momento e in questa epoca è già abbastanza brutto, ma un delitto irrisolto è impensabile. Sarebbe solo un incoraggiamento al crimine.
    Il tenente Caquer annuì serio. Anche lui aveva pensato la stessa cosa. Bisogna preoccuparsi delle implicazioni sociali del delitto… E anche del suo posto di lavoro. Un tenente di polizia che lasciava impunito un delitto nel suo distretto poteva considerarsi finito per sempre.
    Scomparsa l’immagine del Reggente dal visifono, Caquer prese del cassetto della scrivania la lista degli amici di Deem e cominciò a studiarla per decidere la sequenza delle visite da fare.
    Accanto al nome di Perry Peters scrisse il numero “1”, questo per due ragioni. La prima, che Peters abitava solo a poche porte di distanza da lui, la seconda per il fatto che conosceva Perry meglio degli altri nomi riportati sulla lista, fatta forse eccezione per il professore Jan Gordon. Questa anzi sarebbe stata l’ultima visita, perché più tardi sarebbe stato più facile trovare il professore sofferente ormai sveglio… E sarebbe stato anche più facile trovare la figlia Jane in casa.
    Perry Peters fu contento di vedere Caquer e indovinò immediatamente lo scopo della visita.
    — Salve, Shylock.
    — Uh? — fece Rod.
    — Shylock… il grande investigatore che si trova per la prima volta nella sua carriera di poliziotto di fronte a un mistero. O l’hai già risolto, Rod?
    — Tu vuoi dire Sherlock, idiota. Sherlock Holmes. No, io non ho risolto ancora un bel niente, se proprio vuoi saperlo. Senti, Perry, dimmi tutto quello che sai su Deem. Tu lo conoscevi piuttosto bene, vero?
    Perry Peters si strofinò il mento pensoso e si sedette sul tavolo di lavoro. Era così alto e magro che poteva semplicemente sedervicisi sopra invece di saltarci su.
    — Willem era uno strano nanerottolo. — rispose. — Alla maggior parte della gente non piaceva, perché era un tipo sarcastico e aveva delle idee sballate sulla politica. Io a dire il vero non so se almeno metà delle volte avesse ragione, comunque giocava molto bene a scacchi.
    — Era il suo unico hobby?
    — No. Gli piaceva costruire delle cose, dei piccoli congegni. Alcuni erano ingegnosi, anche se li faceva per divertimento e non ha mai cercato di brevettarli, o comunque di guadagnarci sopra.
    — Parli di invenzioni, Perry? Del tuo genere?
    — Be’, non proprio invenzioni, congegni, piuttosto, direi, Rod. Robetta spicciola per la maggior parte, era più bravo con i lavori di fine artigianato che con le idee originali. E, come ho detto, per lui era solo un hobby.
    — Non ti ha mai aiutato con qualcuna delle tue invenzioni? — chiese Caquer.
    — Certo, di tanto in tanto. Ma anche in questo caso non era tanto l’idea che ci metteva, quanto l’abilità nel costruire le parti più difficili. — Perry Peters indicò il negozio con un gesto circolare della mano. — I miei attrezzi qui servono per dei lavori relativamente grezzi. Niente sotto i millesimi. Ma Willem ha… aveva un piccolo tornio che era un gioiellino. Taglia qualsiasi cosa e ha una precisione al cinquantamillesimo.
    — Che nemici aveva, Perry?
    — Che io sappia, nessuno. Davvero, Rod. A molte persone non era simpatico, ma nulla di più di una semplice antipatia. Sai cosa voglio dire, quel tipo di antipatie che li spinge a servirsi di un altro negozio di libri e bobine, ma non tale da indurre qualcuno a uccidere.
    — E, da quanto sai tu, chi potrebbe beneficiare della sua morte?
    — Um… nessuno, direi, — rispose Peters, pensieroso. — Credo che il suo erede sia un nipote di Venere. Una volta l’ho conosciuto ed era un tipo simpatico. Ma l’eredità non sarà niente di entusiasmante. Penso che arriverà al massimo a qualche migliaio di crediti.
    — Ecco qui un elenco dei suoi amici, Perry. — Caquer passò a Peter un foglietto. — Guardalo bene, per favore, e vedi se puoi aggiungere qualcuno o se hai qualcosa da dire in merito.
    L’inventore studiò la lista, poi gliela restituì.
    — Sono tutti qui, direi, — rispose a Caquer. — Ce ne sono anche un paio che non sapevo conoscesse tanto bene da meritare di essere inclusi nella lista. E hai qui anche i suoi migliori clienti, quelli che si servivano spesso e abbondantemente da lui.
    Il tenente Caquer si infilò l’elenco in tasca.
    — A cosa stai lavorando adesso? — chiese a Peters.
    — A qualcosa con cui mi sono impantanato, temo, — rispose l’inventore. — Io avevo bisogno dell’aiuto di Deem… o almeno avevo bisogno di utilizzare il suo tornio per andare avanti. — Dal banco prese un paio degli occhialoni più stravaganti che Rod Caquer avesse mai visto. Le lenti erano a forma di archi di cerchi invece che di cerchi completi ed erano affrancate in un nastro di plastica deformabile ovviamente studiata per aderire strettamente sul viso sopra e sotto le lenti. In alto al centro, dove l’apparecchio doveva poggiare sulla fronte di chi lo portava, c’era uno scatoline cilindrico dal diametro di quattro centimetri.
    — A cosa diavolo servono? — indagò Caquer.
    — Si portano nelle miniere di radite. Le emanazioni di quel minerale, allo stato grezzo, distruggono immediatamente qualsiasi sostanza trasparente finora scoperta o creata. Perfino il quarzo. Ed è anche dannosa agli occhi nudi. I minatori sono costretti a lavorare ad occhi bendati, per così dire, servendosi solo del senso del tatto.
    Rod Caquer guardò gli occhialoni, incuriosito.
    — E come mai la strana forma di queste lenti impedisce che le emanazioni le danneggino, Perry? — chiese.
    — Quella parte lì sopra è un minuscolo motore che aziona un paio di tergilenti appositamente trattati. Assomigliano in tutto e per tutto a un normale tergicristallo ed è per questo che le lenti hanno questa forma ad arco.
    — Oh, — fece Caquer. — Vuoi dire che i tergilenti sono assorbenti e contengono un liquido speciale che protegge il vetro?
    — Sì, solo che si tratta di quarzo invece che di vetro. E viene protetto solo per una frazione di secondo. Questi tergilenti sono velocissimi, vanno così forte che non puoi neanche vederli quando porti gli occhiali. I bracci sono lunghi la metà degli archi e chi indossa gli occhiali può vedere nebulosamente solo da una frazione di lente per volta, ma anche se male, può vederci, e questo è un miglioramento del mille per cento da quando si lavora con la radite.
    — Ottimo, Perry, — disse Caquer. — E si può rimediare alla nebulosità servendosi di luci ultrabrillanti. Li hai già provati questi occhiali?
    — Sì e funzionano. Il guasto sta nelle bacchette; l’attrito le riscalda talmente da provocarne una dilatazione con conseguente inceppamento dopo neanche un minuto di funzionamento. Bisogna che ci lavori sopra col tornio di Deem… o con un apparecchio simile. Pensi di potermi autorizzare ad usarlo? Anche solo per un giorno, magari.
    — Non vedo perché no, — rispose Caquer. — Parlerò con la persona che il Reggente nominerà esecutore testamentario e ti farò avere l’autorizzazione. Poi potrai magari comperare il tornio dall’erede. O il nipote si interessa anche lui di queste cose?
    Perry Peters scosse la testa. — No, quello non saprebbe distinguere un tornio da una pressa. Mi faresti davvero una gentilezza, Rod, se potessi farmi avere quell’autorizzazione.
    Caquer si era già voltato per andarsene, quando Perry Peters lo fermò.
    — Un momento, — disse Peter, poi fece una pausa, a disagio.
    — Forse ti tenevo nascosto una cosa, Rod, — disse alla fine l’inventore. — Io so una cosa che potrebbe avere un collegamento con la morte di Willem, anche se personalmente non vedo come. Non l’avrei mai rivelata, solo che adesso è morto e non gli potrà più fare del danno.
    — Di che si tratta, Perry?
    — Di libri politici illegali. Aveva un piccolo giro sottobanco. Vendeva libri che erano all’indice… sai cosa voglio dire.
    Caquer emise un fischio leggero. — Non sapevo che li stampassero ancora, dopo che il consiglio ha decretato delle pene così severe al riguardo… fiuu!
    — La gente è umana, Rod. Vuole ancora sapere le cose che non dovrebbe sapere… se non altro per scoprire perché è proibito!
    — Libri dell’Indice Grigio o Nero, Perry?
    Questa volta l’inventore apparve perplesso.
    — Non capisco. Che differenza c’è?
    — I libri riportati sull’Indice ufficiale, — spiegò Caquer, — si dividono in due gruppi. Quelli veramente pericolosi sono sull’Indice Nero. Ci sono pene severe per chi ne possiede uno e c’è la pena di morte per chi lo scrive o lo stampa. Quelli meno pericolosi sono sull’Indice Grigio, lo chiamano così.
    — Non saprei proprio dirti quali sono quelli che vendeva sotto banco Willem. Be’, detto tra noi ne ho letti un paio che mi aveva prestato una volta Willem e mi sono parsi piuttosto noiosi. Trattavano di teorie politiche non ortodosse.
    — Allora dovevano appartenere all’Indice Grigio. — Il tenente Caquer parve sollevato. — La roba teorica è tutta sull’Indice Grigio. I libri sull’Indice Nero sono quelli che contengono informazioni pratiche pericolose.
    — Per esempio? — L’inventore fissava attentamente Caquer.
    — Istruzioni su come fare cose messe al bando dalla legge, — spiegò Caquer. — Come il Lethite, per esempio. Il Lethite è un gas velenoso tremendamente pericoloso. Ne basta qualche chilo per annientare un’intera città, così il consiglio ne ha bandito la fabbricazione e i libri che insegnano alla gente come fabbricarselo devono andare sull’Indice Nero. Ti immagini, se uh imbecille qualunque si impadronisse di un libro del genere, potrebbe distruggere tutta la città dove abita.
    — Ma perché dovrebbe farlo?
    — Potrebbe essere un tizio dalla mente distorta, avere dei rancori contro qualcuno, — spiegò Caquer. — O magari potrebbe volerlo usare su scala ridotta a scopo criminale. O… per la Terra!, potrebbe essere il capo di un governo con delle mire su degli stati vicini. Conoscenze di quel genere potrebbero sconvolgere la pace del sistema solare.
    Perry Peters annuì pensieroso. — Capisco il tuo punto di vista, — disse. — Be’, continuo a non capire cosa potrebbe c’entrare questo con l’omicidio, ma ho pensato che era meglio informarti di questa attività collaterale di Willem. Probabilmente vorrai controllare nel suo magazzino adesso, prima che qualcun altro rilevi il negozio e lo riapra.
    — Lo faremo, — disse Caquer. — Grazie, Perry. Se non ti spiace mi servirò del tuo telefono per fare iniziare subito il controllo. Se ci sono dei libri dell’Indice Nero, provvederemo subito a sequestrarli.
    Quando la sua segretaria apparve sullo schermo, gli sembrò che fosse contemporaneamente spaventata e sollevata di vederlo.
    — Signor Caquer, — gli disse. — Ho cercato di raggiungerla. È successo qualcosa di terribile. Un altro morto.
    — Un nuovo omicidio? — Caquer si sentì mancare il fiato.
    — Nessuno sa di che si tratti, — rispose la segretaria. — Una dozzina di persone l’hanno visto buttarsi giù da una finestra a solo sette metri di altezza. E questa gravità non avrebbe neanche potuto ucciderlo, ma quando siamo arrivati noi, l’uomo era morto. E quattro di coloro che l’hanno visto lo conoscevano. Ma è…
    — Accidenti, per la Terra!, chi è?
    — Io non… tenente Caquer, tutti e quattro sostengono che si trattava di Willem Deem!

4. Regola della mano destra

    Con una sensazione d’irrealtà e d’incubo, il tenente Rod Caquer osservò da sopra la spalla del Medico Capo il corpo che giaceva già sulla barella degli uomini del Servizio Sanitario in impaziente attesa.
    — Meglio sbrigarsi, dottore, — disse uno di loro. — Non durerà ancora per molto e ci metteremo cinque minuti ad arrivare.
    Il dottor Skidder fece un cenno di impazienza con la testa senza sollevare gli occhi e continuò il suo esame. — Neanche un segno, Rod, — disse alla fine. — Nessuna traccia di veleno. Nessuna traccia di niente. È semplicemente morto.
    — La morte potrebbe essere stata causata dalla caduta? — chiese Caquer.
    — Non c’è neppure un livido per la caduta. L’unico verdetto che possa dare io è collasso cardiaco. Okay, ragazzi, potete portarlo via.
    — Ha finito anche lei, tenente?
    — Sì, — rispose Caquer. — Andate pure. Skidder, quale di loro era Willem Deem?
    Gli occhi del medico seguirono il fagotto bianco che gli uomini del Servizio Sanitario portavano verso il furgone. Si strinse nelle spalle con un gesto d’impotenza.
    — Tenente, questo problema è affar suo, penso, — gli rispose. — Tutto quello che posso fare io è certificare la causa della morte.
    — Ma non ha assolutamente senso, — brontolò Caquer. — La città del Settore Tre non è tanto grande da permettergli di condurre una doppia vita senza che la gente lo sappia. Ma uno dei due cadaveri doveva essere un doppione. In via non ufficiale, quale dei due a lei sembrava il Deem originale?
    Il dottor Skidder scosse la testa, truce.
    — Willem Deem aveva sul naso un porro di forma del tutto particolare, — disse. — E tutti e due i cadaveri l’avevano, Rod. E nessuno dei due porri era artificiale o creato col trucco. Su questo sono disposto a giocarmi la mia reputazione professionale. Ma torni in ufficio con me e le dirò quale dei due era il vero Willem Deem.
    — Uh? E come?
    — Al dipartimento delle imposte hanno l’impronta del suo pollice, come quelle di chiunque altro. E su Callisto si prendono sempre le impronte di un cadavere, dal momento che occorre distruggerlo così rapidamente.
    — Allora avete le impronte dei pollici di entrambi i cadaveri? — indagò Caquer.
    — Naturalmente. Le ho prese prima che arrivasse lei, tutte e due le volte. Ho quelle di Willem, voglio dire quelle dell’altro cadavere, nel mio ufficio. Anzi, lei vada a prendere l’impronta dall’ufficio imposte e poi incontriamoci nel mio ufficio.
    Caquer sospirò di sollievo. Se non altro si sarebbe chiarito un punto, quello sull’identità dei cadaveri.
    E in quello stato quasi beato di mente rimase fino a un’ora dopo quando confrontò col dottor Skidder le tre impronte. Quella che Rod Caquer aveva preso dall’ufficio imposte e quelle dei due cadaveri.
    Tutte e tre erano assolutamente identiche.
    — Uhm, — disse Caquer. — Lei è sicuro di non avere fatto confusione con quelle impronte, dottor Skidder?
    — E come avrei potuto? Io ne ho rilevata solo una da ogni cadavere, Rod. E anche se le avessi mescolate adesso, il risultato sarebbe lo stesso. Le tre impronte sono identiche.
    — Ma non è possibile.
    Skidder si strinse nelle spalle.
    — Penso che dovremmo riferire la faccenda direttamente al Reggente, — disse. — Gli telefonerò e gli chiederò un’udienza. D’accordo?
    Mezz’ora dopo stava riferendo l’intera storia al Reggente Barr Maxon, col dottor Skidder che confermava i punti principali. Vista l’espressione del viso del Reggente, il tenente Caquer fu ben felice che ci fosse il medico a confermare le sue dichiarazioni.
    — Conviene, — chiese Maxon, — che questa è una faccenda da rimettere nelle mani del Coordinatore di Settore e che occorre fare intervenire subito un investigatore speciale?
    Sia pure con riluttanza, Caquer annuì. — Mi secca dover ammettere di non essere all’altezza, Reggente, o almeno di non sembrarlo, — disse Caquer. — Ma questo non è un delitto normale. Qualunque cosa succeda, è una faccenda ben più grande di me. E forse dietro tutto c’è qualcosa di ben più sinistro di un semplice delitto.
    — Ha ragione, tenente. Farò in modo che dal quartier generale parta oggi stesso un esperto qualificato che si metterà in contatto con lei.
    — Reggente, — chiese Caquer, — è mai stata inventata una macchina o un processo che possa, uh, duplicare un corpo umano con o senza il trasporto della mente?
    Maxon sembrò perplesso di fronte a quella domanda.
    — Lei pensa che Deem possa aver giocato con qualcosa che alla fine gli si è rivoltata contro. No, per quanto ne sappia io, una scoperta del genere non è mai stata fatta. Nessuno ha mai duplicato neanche gli oggetti inanimati, fatta eccezione per le imitazioni fabbricate normalmente. Lei ha mai sentito una cosa del genere, Skidder?
    — No, — rispose il Medico Capo. — Non credo che neanche il suo amico Perry Peters potrebbe riuscirci, Rod.
    Dall’ufficio del Reggente Maxon, Caquer andò al negozio di Deem, dove trovò Brager, il quale lo aiutò a perquisire accuratamente il posto. Fu un lavoro lungo e laborioso perché fu necessario esaminare minuziosamente ogni libro e ogni bobina.
    Caquer sapeva bene che gli stampatori di libri proibiti erano molto bravi a camuffare i loro prodotti. Di solito questi libri illegali avevano la copertina e il frontespizio, spesso addirittura i capitoli iniziali, di qualche popolare opera di narrativa e anche le bobine di proiezione erano camuffate allo stesso modo.
    Quando ebbero finito erano già cadute le tenebre, rotte solo dal bagliore di Giove, ma Rod Caquer, sapeva che avevano fatto un lavoro accurato. In tutto il negozio, però, non era saltato fuori neanche un libro all’Indice e anche tutte le bobine erano state passate al proiettore.
    Altri uomini, agli ordini di Rod Caquer, avevano perquisito l’appartamento di Deem con altrettanta pignoleria. Ma quando telefonò là, ricevette un altro rapporto assolutamente negativo.
    — Neanche un libello venusiano, — disse l’uomo a capo della squadra nell’appartamento, con un tono quasi spiaciuto nella voce.
    — Per caso, avete trovato un tornio, un tornio piccolo per lavori di precisione? — chiese Rod.
    — Um… no. Non abbiamo visto nulla del genere. Una delle stanze era un laboratorio, ma non c’era nessun tornio. È importante?
    Caquer emise un grugnito, senza sbilanciarsi. Cos’era un mistero in più, e per di più di scarsa rilevanza, in un caso simile?
    — Bene, tenente, — disse Brager, quando lo schermo si spense. — Che facciamo adesso?
    Caquer sospirò.
    — Lei può smontare, Brager, — disse. — Ma prima stabilisca dei turni di sorveglianza qui e nell’appartamento. Io rimarrò qui finché arriverà chi mi invia lei.
    Quando Brager se ne fu andato, Caquer si sprofondò stancamente nella sedia più vicina. Si sentiva fisicamente distrutto e gli pareva di avere la mente inceppata. I suoi occhi fecero il giro delle scansie bene ordinate del negozio e tutto quell’ordine parve opprimerlo.
    Se solo ci fosse stato qualche indizio. Wilder Williams non si era mai trovato di fronte a un caso come questo in cui gli unici indizi erano due cadaveri identici, uno dei quali era stato ucciso in cinque modi diversi e l’altro non aveva neppure un segno di violenza. Che pasticcio, e adesso cosa poteva fare?
    Be’, lui aveva ancora l’elenco delle persone da interrogare e stasera aveva ancora tempo di vederne una.
    Doveva tornare da Perry Peters e vedere se l’inventore sapeva spiegargli la scomparsa del tornio. Forse lui sarebbe riuscito a formulare qualche ipotesi. Ma, del resto, cosa poteva c’entrare un tornio con un pasticcio simile? Non si poteva duplicare un cadavere con un tornio.
    O doveva andare dal Professor Gordon? Decise di far questo.
    Chiamò l’appartamento di Gordon al visifono e sullo schermo comparve Jane.
    — Come sta papà? — chiese Caquer a Jane. — È in grado di ricevermi e parlare per un po’ con me stasera?
    — Oh, sì, — rispose la ragazza. — Si sente molto meglio adesso e pensa che domani tornerà a fare lezione. Ma se devi venire qui, non fare tardi, Rod. Hai un’aria distrutta; che ti succede?
    — Niente eccetto che mi sento impazzire. Ma penso di star bene.
    — Hai l’aria tirata e sembri affamato. Quando hai mangiato l’ultima volta?
    Caquer spalancò tanto d’occhi. — Per la Terra! Mi sono completamente dimenticato del mangiare. Ho dormito fino a tardi e ho perfino saltato la colazione!
    Jane Gordon scoppiò in una risata.
    — Scioccone! Be’, corri qui. Quando arriverai troverai qualcosa di pronto.
    — Ma…
    — Niente ma. Quando puoi venire?
    Un minuto dopo aver spento il visifono, il tenente Caquer andò a rispondere alla porta quando sentì battervi sopra.
    L’aprì. — Oh, salve Reese, — disse. — L’ha mandata Brager?
    Il poliziotto annuì.
    — Ha detto che dovevo rimanere qui nel caso succedesse qualcosa. Che cosa, per esempio?
    — Oh, si tratta solo di un normale servizio di guardia, — gli spiegò Caquer. — Ehi, io sono rimasto bloccato qui tutto il giorno. È successo qualcosa di nuovo?
    — Oh, un po’ di movimento. È tutto il giorno che mettiamo dentro e fuori oratori volanti. Degli svitati. Sembra ce ne sia un’epidemia.
    — Accidenti! E cos’hanno da scaldarsi tanto?
    — Oh, riguarda il Settore Due, ma non sono riuscito a capire bene le ragioni. Cercano di aizzare la gente contro il Settore Due perché faccia qualcosa. Ma gli argomenti che usano sono assolutamente folli.
    Qualcosa si agitò a disagio nella mente di Rod Caquer, ma non riuscì a ricordarsi bene di che si trattasse. Il Settore Due? Chi gli aveva parlato recentemente del Settore Due… usura, slealtà, sangue, pazzie. Anche se c’era un sacco di gente di là che aveva sangue marziano nelle vene…
    — Quanti oratori sono stati arrestati? — chiese.
    — Ne abbiamo presi sette. Altri due ci sono sfuggiti, ma li prenderemo quando ricominceranno con le loro concioni.
    Il tenente Gordon raggiunse l’appartamento dei Gordon camminando lentamente, immerso nei suoi pensieri, e cercando di fare del suo meglio per ricordare dove recentemente aveva sentito della propaganda contro il Settore Due. Ci doveva essere qualcosa dietro la simultanea comparsa di nove oratori radicali che predicavano tutti la stessa dottrina.
    Un’organizzazione politica segreta? Ma ormai era quasi un secolo che non ne esistevano più. Sotto un governo perfettamente democratico, facente parte di una stabile organizzazione di pianeti del sistema planetario, non c’era bisogno di attività segrete. Naturalmente poteva sempre esserci qualche svitato che non fosse soddisfatto, ma un intero gruppo in quello stato mentale, no, era troppo fantastico.
    Tutto sembrava una follia… come il caso di Willem Deem. Neanche quello aveva senso. Le cose che succedevano non avevano significato, come in un sogno. Un sogno? Cosa stava cercando di ricordare con quella parola? Non aveva fatto un sogno stranissimo ieri sera… ma quale?
    Ma, come succede di solito coi sogni, la sua mente non riuscì a riallacciarsi al sogno.
    Domani comunque avrebbe interrogato, o aiutato a interrogare, quei radicali che erano sotto arresto. Avrebbe incaricato degli uomini di fare delle indagini sul loro conto e indubbiamente così avrebbero trovato uno sfondo comune, dei legami.
    Non potevano essere saltati fuori tutti contemporaneamente nello stesso giorno per caso. Era una follia, una follia come i due inesplicabili cadaveri del negoziante di libri e bobine. Forse perché quei casi erano tutti e due assurdi, la sua mente tendeva ad accomunarli. Ma anche presi assieme non erano più digeribili che presi separatamente. Anzi, avevano ancora meno senso.
    Maledizione, perché non aveva preso quel posto su Ganimede, quando gliel’avevano offerto? Ganimede era una luna bene ordinata. Là le persone non venivano assassinate due volte in due giorni di seguito. Ma Jane Gordon non viveva su Ganimede, Jane viveva lì nel Settore Tre e adesso lui stava andando a casa sua.
    E tutto era meraviglioso, solo che si sentiva stanchissimo e non riusciva a pensare chiaramente e Jane Gordon insisteva a considerarlo più un fratello che un pretendente e lui avrebbe probabilmente finito col perdere il posto. Sarebbe diventato lo zimbello di Callisto se l’investigatore speciale avesse trovato una spiegazione semplicissima delle cose che lui aveva trascurato.

5. Il nono uomo

    Jane Gordon, più bella che mai, gli andò incontro sulla porta. Sorrideva, ma il suo sorriso divenne preoccupato quando lui entrò in casa e fu illuminato dalla luce.
    — Rod! — esclamò la ragazza. — Ma tu stai male, davvero. Cos’altro hai fatto, oltre a saltare i pasti?
    Rod Caquer si sforzò di sorriderle.
    — Mi sono messo a correre in tondo nei vicoli ciechi, Ghiacciolo. Posso usare il tuo visifono?
    — Naturalmente. Ti ho preparato qualcosa da mangiare. Te lo metto in tavola intanto che telefoni. Papà sta facendo un sonnellino. Ha detto di svegliarlo quando saresti arrivato, ma aspetterò che prima hai mangiato.
    La ragazza corse in cucina. Caquer si lasciò quasi cadere sulla sedia davanti al visischermo e chiamò la stazione di polizia. Sull’apparecchio comparve il viso sanguigno di Borgesen, il tenente del servizio notturno.
    — Salve, Borg, — disse Caquer. — Senti, per quei sette mattoidi…
    — Nove, — lo interruppe Borgesen. — Abbiamo preso gli altri due e vorrei non averlo fatto. Qui stiamo dando i numeri adesso.
    — Vuole dire che gli altri due ci hanno riprovato?
    — No, per mille asteroidi. Sono venuti qui e si sono consegnati. Noi non abbiamo potuto sbatterli fuori perché ci sono delle accuse contro di loro, ma adesso stanno confessando a tutto spiano. E sa cosa stanno confessando?
    — Ascolto, — fece Caquer.
    — Che li ha pagati lei, offrendo loro cento crediti a testa.
    — Uh?
    Borgesen scoppiò in una risata nevrotica. — Lo sostengono i due che si sono presentati volontariamente e anche gli altri sette… accidenti, ma perché ho voluto fare il poliziotto? Avevo la possibilità di fare il pompiere e lo spaziale e sono finito a fare questo mestieraccio!
    — Senta… forse è meglio che venga lì per vedere se osano sostenere l’accusa anche con un confronto diretto.
    — Probabilmente lo farebbero, ma non significa niente, Rod. Dicono che lei li ha incaricati oggi pomeriggio e lei è stato tutto il pomeriggio con Brager da Deem. Rod, questa luna sta impazzendo. E io pure. Walter Johnson è scomparso. È da stamane che non lo si è più visto.
    — Cosa? Il segretario particolare del Reggente? Ma mi vuole prendere in giro, Borg?
    — Vorrei che fosse così. Lei dovrebbe essere contento di non essere di servizio. Maxon ha sollevato un caos d’inferno perché gli rintracciamo il suo segretario. E non gli piace neppure il caso Deem. Sembra che ce ne faccia una colpa. Dice che il dipartimento ci fa già una figuraccia se si permette che un uomo venga ucciso una volta. Ma quale dei due era Deem, Rod? Ha qualche idea?
    Caquer sorrise debolmente.
    — Finché non lo avremo scoperto, chiamiamoli Deem e Redeem, — suggerì. — Io penso che entrambi fossero Deem.
    — Ma com’è possibile che un uomo sia due persone?
    — E come può un uomo venire ucciso in cinque modi diversi? — ribatté Caquer. — Me lo dica e io risponderò alla sua domanda.
    — Bah! — fece Borgesen e poi se ne uscì con una frase decisamente originale. — Questo caso ha proprio qualcosa di strano.
    Caquer rideva così forte che aveva le lacrime agli occhi quando Jane venne ad avvertirlo che era pronto da mangiare. La ragazza corrugò la fronte, ma si vedeva che era preoccupata.
    Caquer la seguì docilmente e scoprì di avere una fame da lupo. Dopo aver ingurgitato l’equivalente di tre pasti normali, si sentì nuovamente un essere quasi umano. Aveva ancora il mal di testa, ma era qualcosa che pulsava vagamente in lontananza.
    Quando ebbero finito in cucina, i due giovani entrarono nel soggiorno dove li aspettava il fragile professor Gordon. — Rod, mi sembri un topo con cui ha appena finito di giocare il gatto, — disse. — Siediti prima di cadere.
    Caquer sorrise. — Ho mangiato troppo. Jane, come cuoca, è impareggiabile.
    Si sedette nella poltrona di fronte a Gordon. Jane si sedette sul bracciolo della poltrona del padre e gli occhi di Caquer non l’abbandonarono un attimo. Come faceva una ragazza dalle labbra dolci e desiderabili come le sue a insistere a considerare il matrimonio solo un argomento di accademica conversazione? Com’era possibile che…
    — Così di primo acchito non vedo come potrebbe essere una causa della morte, Rod, ma William Deem noleggiava libri politici, — disse Gordon. — Ormai non gli farà male se lo dico, dal momento che il poveraccio è morto.
    Quasi le stesse parole, ricordò Caquer, che aveva usato Perry Peters per dirgli la stessa cosa.
    Caquer annuì.
    — Abbiamo frugato il suo negozio e l’appartamento e non ne abbiamo trovati, professore, — rispose il tenente. — Lei naturalmente non saprebbe di che genere…
    Il professor Gordon sorrise. — Temo di sì, invece, Rod. Anzi ti dirò in via non ufficiale, e spero che tu non stia registrando questa conversazione che ne ho letto qualcuno anch’io.
    — Lei! — La voce di Caquer aveva un tono di franca sorpresa.
    — Non sottovalutare mai la curiosità di un educatore, ragazzo mio. Temo che la lettura dei libri dell’Indice Grigio sia il vizio più diffuso tra gli insegnanti universitari che tra le altre classi. Oh, so che è male incoraggiare questo commercio, ma la lettura di libri del genere non può davvero far del male a una mente equilibrata e giudiziosa.
    — E papà ha decisamente una mente equilibrata e giudiziosa, Rod, — affermò Jane in tono di sfida. — Solo che, accidenti a lui, non mi ha mai permesso di leggerli.
    Caquer le sorrise. Il fatto che il professore avesse parlato di Indice Grigio lo aveva rassicurato.
    Dopo tutto prendere in lettura dei libri dell’Indice Grigio era solo un reato di lieve entità.
    — Hai mai letto libri dell’Indice Grigio, Rod? — chiese il professore. Caquer scosse la testa.
    — Allora probabilmente non avrai mai sentito parlare di ipnotismo. Per quanto riguarda certi particolari del caso Deem… be’, mi sono chiesto se per caso non sia stato impiegato l’ipnotismo.
    — Temo di non sapere neppure di che si tratti, professore.
    Il fragile professore, sospirò.
    — Questo succede perché non hai mai letto libri proibiti, Rod, — gli disse Gordon. — L’ipnotismo significa il controllo della mente da parte di un’altra persona e prima di essere messo al bando aveva raggiunto un alto grado di sviluppo. Non hai mai sentito parlare dell’Ordine Kapreliano o della Ruota di Vargas?
    Caquer scosse la testa.
    — La storia di questo argomento si trova su diversi libri dell’Indice Grigio, — disse il professore. — I metodi effettivi e i particolari di costruzione della Ruota di Vargas si troverebbero però nell’Indice Nero, nella massima categoria dei libri illegali. Naturalmente non li ho letti, ma ho letto la loro storia.
    — Uno dei primi praticanti dell’ipnotismo, anche se non il suo scopritore, fu un certo Mesmer del lontano diciottesimo secolo. Ad ogni modo, questi inquadrò la faccenda in maniera più o meno scientifica e ora del ventesimo secolo si era già appreso parecchio sull’argomento tanto che l’ipnotismo veniva impiegato diffusamente in medicina.
    — Cento anni dopo, i medici curavano ormai con l’ipnotismo la stessa quantità di pazienti che curavano con medicina e operazioni chirurgiche. Naturalmente c’erano anche dei casi di cattivo impiego, ma erano relativamente pochi.
    — Passò un altro secolo e ci furono grandi cambiamenti. Il mesmerismo si era sviluppato troppo ormai per offrire sicurezza alla gente. Ormai qualsiasi criminale o uomo politico di pochi scrupoli che aveva un’infarinatura di quest’arte poteva servirsene impunemente. Poteva ingannare con essa tutte le persone che voleva e farla franca.
    — Vuol dire che avrebbe potuto spingere la gente a pensare tutto ciò che voleva lui? — chiese Caquer.
    — Non solo, poteva addirittura spingerla a fare tutto ciò che voleva lui. E ormai la televisione era così diffusa ovunque che una sola persona poteva apparire di fronte a milioni di persone e parlare a tutte contemporaneamente.
    — Ma il governo non avrebbe potuto regolarne l’uso?
    Il professor Gordon sorrise debolmente. — E come, quando anche i legislatori erano umani e soggetti ad essere ipnotizzati come le persone sotto di loro? Poi, per complicare ancora le cose irrimediabilmente, ci fu l’invenzione della ruota di Vargas.
    — Si sapeva fin dal diciannovesimo secolo ormai che una combinazione di specchi mobili era in grado di mettere in stato ipnotico chiunque li osservasse e i primi esperimenti con la trasmissione del pensiero risalivano al ventunesimo secolo, ma fu solo nel secolo seguente che Vargas combinò e perfezionò i due sistemi nella Ruota di Vargas. Una specie di casco, in effetti, con in cima una ruota girevole composta di specchi appositamente costruiti per creare l’effetto desiderato.
    — E come funzionava, professore? — chiese Caquer.
    — Chi indossava il casco con la Ruota di Vargas otteneva l’immediato e automatico controllo su chi gli stava di fronte… di persona o su uno schermo televisivo, — disse Gordon. — Gli specchi inseriti nella piccola ruota roteante producevano l’ipnosi istantanea e il casco, per qualche ragione, trasmetteva i pensieri di chi portava il casco attraverso la ruota in modo da imprimere sui soggetti i pensieri che desiderava comunicare.
    — In effetti, il casco stesso… o la ruota… poteva essere regolato in modo da produrre certe illusioni prestabilite senza che l’operatore dovesse parlare o concentrarsi su quei punti. Oppure il controllo poteva avvenire direttamente dalla mente.
    — Ahi, — esclamò Caquer. — Un affare del genere dovrebbe… adesso capisco come mai le istruzioni per costruire una Ruota di Vargas sono finite sull’Indice Nero. Per mille Asteroidi! Un uomo con un apparecchio del genere potrebbe…
    — Potrebbe fare pressoché qualsiasi cosa. Compreso uccidere un uomo e fare apparire la sua morte sotto cinque aspetti diversi a cinque diversi osservatori.
    Caquer emise un leggero sibilo. — Oppure spingere nove radicali a concionare sopra una cassa in mezzo alla strada… e non è neanche necessario che siano dei radicali. Potrebbero essere semplicemente gente comune ligia alla legge.
    — Nove radicali? — chiese Jane Gordon. — Cos’è questa faccenda dei nove radicali, Rod? Non ne avevo sentito parlare.
    Ma Rod si stava già alzando in piedi.
    — Adesso non ho tempo di spiegarti, Ghiacciolo, — le disse. — Ti dirò tutto domani, ma adesso devo scappare… un momento. Professore, è tutto qui quanto sa sulla Ruota di Vargas?
    — Assolutamente tutto, ragazzo mio. Ho solo pensato che fosse una possibilità. Ne furono costruite solo cinque o sei e alla fine il governo ci mise sopra le mani e le distrusse tutte, ad una ad una. È costato milioni di vite farlo, però.
    — Quando alla fine ebbero risolto completamente il problema, stava iniziando la colonizzazione dei pianeti ed era stato formato un consiglio internazionale col controllo di tutti i governi. Tutti quanti furono concordi nel ritenere che il campo dell’ipnotismo era troppo pericoloso e ne fecero un argomento proibito. Ci vollero alcuni secoli per cancellare ogni conoscenza, ma alla fine ci riuscirono. E la prova è che tu non ne hai mai sentito parlare.
    — E per quanto riguarda gli aspetti benefici, — chiese Jane Gordon. — Sono andati perduti?
    — Naturalmente, — rispose suo padre. — Ma nel frattempo la medicina era progredita a tal punto che non fu poi una gran perdita. Oggi i medici possono curare direttamente qualsiasi disfunzione che prima veniva curata con l’ipnotismo.
    Caquer che si era fermato davanti alla porta, si volse un attimo.
    — Professore, crede possibile che qualcuno abbia potuto farsi prestare un libro nero da Deem e abbia appreso tutti quei segreti? — chiese.
    Il professor Gordon si strinse nelle spalle. — È possibile, — ammise. — Può darsi che Deem abbia trattato di tanto in tanto anche dei libri dell’Indice Nero, ma sapeva bene che non era il caso di cercare di venderli o noleggiarli a me. Perciò anche se l’ha fatto non ho modo di saperlo.
    Alla stazione di polizia, il tenente Caquer trovò il tenente Borgesen sull’orlo di un colpo apoplettico.
    Borgesen fissò Caquer.
    — Lei! — esclamò. Poi aggiunse in tono piagnucoloso: — Il mondo è tutto quanto impazzito. Senta, è stato Brager a scoprire William Deem, no? Alle dieci di ieri mattina? Ed è rimasto di guardia mentre lei, Skidder e quelli del Servizio Sanitario eravate là, non è così?
    — Sì, e allora? — chiese Caquer.
    L’espressione di Bergesen mostrò quanto fosse turbato da quegli avvenimenti.
    — Niente, assolutamente niente, solo che Brager era da ieri mattina in ospedale, dalle nove alle undici, per farsi curare una caviglia slogata. Quindi non poteva essere nel negozio di Deem. Ci sono sette tra medici, infermieri e personale vario pronti a giurare che a quell’ora Brager era in ospedale.
    Caquer corrugò la fronte.
    — Oggi quando mi ha aiutato a perquisire il negozio di Deem, zoppicava, infatti, — disse. — Che dice Brager?
    — Dice che era là, voglio dire nel negozio di Deem, e che ha scoperto il corpo del libraio. Noi però abbiamo scoperto il contrario del tutto accidentalmente… sempre che sia il contrario. Rod, mi sento impazzire. E pensare che avevo la possibilità di fare il pompiere o lo spaziale e mi sono scelto questo divino mestiere. Ha scoperto qualcosa di nuovo?
    — Può darsi. Ma prima voglio chiederle una cosa, Borg. Riguardo quei nove imbecilli che sono stati arrestati. Qualcuno ha cercato di identificarli…
    — Quelli, — lo interruppe Borgesen. — Li ho lasciati andare.
    Caquer fissò assolutamente sbalordito il viso sanguigno del tenente di notturna.
    — Li ha lasciati andare? — ripeté. — Ma non poteva farlo legalmente. Erano state elevate delle cause contro di loro. Senza un processo non poteva metterli in libertà.
    — Balle. L’ho fatto e me ne assumerò la responsabilità. Senta, Rod, loro avevano ragione, non è vero?
    — Cosa?
    — Certo. La gente ha il diritto di venire messa al corrente di quanto succede nel Settore Due. Bisogna farli scendere di qualche pianerottolo quei palloni gonfiati e noi siamo gli unici che possono farlo. Il quartier generale di Callisto dovrebbe essere qui. Ascolti, Rod, un Callisto unito potrebbe impadronirsi anche di Ganimede.
    — Borg, hanno trasmesso qualcosa per televisione stasera? Qualcuno ha fatto qualche discorso che lei ha ascoltato?
    — Certo, non l’ha sentito? Il nostro amico Skidder. Deve averlo fatto mentre lei veniva qui perché tutti gli apparecchi televisivi si sono accesi automaticamente… era una trasmissione generale.
    — Ed è stato suggerito qualcosa in particolare, Borg? Qualcosa riguardo il Settore Due e Ganimede, roba del genere?
    — Certo, c’è una riunione generale domattina alle dieci. In piazza. Dovremmo andarci tutti; ci sarà anche lei, vero?
    — Sì, — rispose il tenente Caquer. — Temo di sì. Adesso devo scappare, Borg.

6. Un viso troppo familiare

    Rod Caquer sapeva cosa era successo adesso. E l’ultima cosa che voleva fare era di rimanere alla stazione di polizia ad ascoltare Borgesen che parlava sotto l’influenza di quella che sembrava appunto una Ruota di Vargas. Nient’altro, assolutamente nient’altro avrebbe potuto indurre il tenente Borgesen a parlare così come aveva parlato. Sì, il professor Gordon aveva proprio fatto centro. Nient’altro avrebbe potuto provocare quei risultati.
    Caquer camminò alla cieca in quella notte rischiarata solo dalla massa di Giove, passando davanti all’edificio in cui si trovava il suo appartamento. Non voleva andarci.
    Le strade della Città Settore Tre sembravano affollate per essere un’ora così tarda. Tarda? Gettò un’occhiata all’orologio e fischiò leggermente. Non era più sera ormai. Erano le due del mattino e di norma le strade avrebbero dovuto essere assolutamente deserte.
    Ma stasera non lo erano. La gente vagava per le vie, da sola o a gruppi, e tutti camminavano in un silenzio soprannaturale. Si sentiva uno scalpiccio di piedi, ma neanche un mormorio di voce. Neppure…
    Sussurri! Qualcosa in quelle strade e in quella gente fece ricordare a Rod Caquer il suo sogno della notte prima. Solo adesso capì che non era un sogno. Né lui aveva camminato da sonnambulo, almeno come si intende normalmente.
    Si era vestito. Era scivolato fuori di casa. Anche le luci dei lampioni erano spente e questo significava che gli addetti avevano disertato i loro posti. Come gli altri, anche loro vagavano tra la folla.
    — Uccidi… Uccidi… uccidi… tu li odi… — Un brivido scese giù per la spina dorsale di Caquer quando si rese conto cosa significasse il fatto che il sogno della notte precedente fosse stato realtà. Questo era un fatto al cui confronto perdeva perfino di significato l’assassinio di un piccolo proprietario di un negozio di libri e bobine.
    Questo era qualcosa che stava afferrando tutta una città, qualcosa che poteva sconvolgere un mondo, qualcosa che poteva condurre a un incredibile terrore e a un carnaio su una scala quale mai si era conosciuta da dopo il ventiquattresimo secolo. E tutto aveva avuto inizio con un semplice caso di omicidio!
    In fondo alla strada, Rod Caquer udì la voce di un uomo che arringava la folla. Una voce frenetica, stridula per il fanatismo; allora corse fino all’angolo e giratolo si trovò ai bordi di una massa di gente che premeva attorno a un uomo che parlava dall’alto di una fuga di gradini.
    — …e io vi dico che domani è il giorno. Adesso abbiamo perfino il Reggente dalla nostra parte e non sarà necessario deporlo. Ci sono uomini che stasera lavoreranno tutta notte per preparare le cose e dopo la riunione in piazza di domattina, noi…
    — Ehi! — gridò Rod Cauquer. L’uomo smise di parlare e si volse per guardare in direzione di Rod, e anche la folla si voltò lentamente, quasi all’unisono, per fissarlo.
    — Lei è in…
    Poi Caquer si accorse che il suo era solo un futile gesto.
    Non fu il fatto che l’uomo si avventasse verso di lui che lo convinse di questo. Non temeva la violenza. Anzi l’avrebbe accolta anche con sollievo come una liberazione da quel terrore soprannaturale, avrebbe accolto con piacere l’occasione di distribuire piattonate attorno a sé con la daga.
    Ma dietro l’oratore c’era un uomo in uniforme… Brager. E Caquer ricordò in quel momento che anche Borgesen, ora a capo della stazione di polizia, stava dall’altra parte. Come avrebbe potuto arrestare l’oratore quando poi Borgesen, forte della sua autorità, si sarebbe rifiutato di convalidare l’arresto? E a che sarebbe servito dare il via a dei disordini che potevano costare cari a persone innocenti che non agivano di volontà propria, ma sotto l’insidiosa influenza che gli aveva descritto il professor Gordon?
    Con la mano sulla spada, rinculò. Nessuno lo seguì. Come automi si voltarono tutti verso l’oratore che riprese l’arringa, come se non fosse mai stato interrotto. L’agente Brager non si era mosso, non aveva neppure guardato nella direzione del suo collega superiore in grado. Lui solo tra tutti non si era voltato sentendo il grido di sfida di Caquer.
    Il tenente Caquer si affrettò ad avviarsi nella direzione in cui stava andando quando aveva sentito l’oratore. Così sarebbe arrivato in centro. Avrebbe trovato un locale aperto dove usare un visifono e avrebbe chiamato il Coordinatore di Settore. Questo era un caso di emergenza.
    Certo chi aveva la Ruota di Vargas non aveva ancora esteso la propria attività al di là dei confini del Settore Tre.
    Il tenente trovò un ristorante notturno, aperto ma deserto. La luce era accesa, ma non c’erano in giro camerieri, né c’era il cassiere dietro il registratore. Allora entrò nella cabina del visifono e premette il pulsante per avere il centralino delle chiamate interurbane. Quasi immediatamente sullo schermo comparve l’operatrice.
    — Il Coordinatore di Settore, Città di Callisto, — disse Caquer.
    — Mi spiace, signore, ma il servizio interurbano è sospeso per tutta la durata per ordine del controllore dei Servizi Pubblici.
    — Per tutta la durata di cosa?
    — Non ci è permesso dare questa informazione.
    Caquer digrignò i denti. Be’, c’era almeno una persona che avrebbe potuto aiutarlo. Costrinse la sua voce a rimanere calma.
    — Mi passi il professor Gordon, Residenze Universitarie, — disse alla centralinista.
    — Sissignore.
    Ma lo schermo rimase buio sebbene per qualche minuto continuasse a lampeggiare la spia rossa che indicava che il cicalino era in funzione.
    — Non risponde nessuno, signore.
    Probabilmente Gordon e sua figlia dormivano troppo profondamente per sentire il cicalino. Per un istante, Caquer prese in considerazione l’idea di precipitarsi là. Ma era dall’altra parte della città e poi che aiuto avrebbero potuto offrirgli? Nessuno. E il professor Gordon era un vecchietto fragile e malato.
    No, avrebbe dovuto… premette di nuovo il pulsante del visifono e un istante dopo parlava col custode dell’hangar delle astronavi.
    — Mi tiri subito fuori l’apparecchio veloce del Dipartimento di Polizia, — scattò Caquer. — Lo prepari perché sarò lì a minuti.
    — Mi spiace, tenente, — fu la secca risposta. — Tutti i raggi d’energia diretti verso l’esterno sono stati interrotti per ordine speciale. Tutte le unità dovranno rimanere a terra per tutta la durata dell’emergenza.
    Avrebbe dovuto immaginarselo, pensò Caquer. Ma che ne sarebbe stato dell’investigatore speciale inviato dall’ufficio del Coordinatore? — Le astronavi in arrivo hanno ancora il permesso di atterrare? — domandò.
    — Hanno il permesso di atterrare, ma non di ripartire senza un ordine speciale, — rispose la voce.
    — Grazie, — disse Caquer. Spense lo schermo e usci dal locale, alla luce dell’alba. C’era ancora una speranza. Forse l’investigatore speciale avrebbe potuto aiutarlo.
    Ma lui, Rod Caquer, avrebbe dovuto intercettarlo, raccontargli tutta la storia e le sue implicazioni, prima che potesse cadere, come gli altri, sotto l’influenza della Ruota di Vargas. Caquer si avviò rapidamente verso il terminal. Forse era troppo tardi. Forse l’astronave dell’investigatore era già atterrata e il danno era stato fatto.
    Di nuovo passò davanti a una folla di gente raccolta attorno a un oratore isterico. Ormai dovevano essere quasi tutti sotto influenza ipnotica. Ma come mai lui era stato risparmiato? Come mai non c’era anche lui sotto quella malvagia influenza?
    È vero che nel momento in cui Skidder andava in onda, lui doveva essere per strada, diretto alla stazione di polizia, ma questo non spiegava tutto. Non era possibile che tutta quella gente avesse visto e sentito la trasmissione. A quell’ora doveva pure esserci stato qualcuno che dormiva.
    E poi anche lui, Caquer, aveva subito l’influenza ipnotica la sera prima, la sera dei sussurri. E doveva essere stato sempre sotto l’influenza della ruota quando aveva compiuto la sua indagine sul delitto… anzi, i delitti.
    Come mai, allora, adesso lui era libero? Era lui l’unico o ce ne erano altri che erano sfuggiti all’effetto Vargas ed erano assolutamente normali?
    Ma se era lui l’unico, come mai allora era libero?
    Ma lo era davvero?
    Non poteva magari darsi che quanto faceva adesso, lo facesse sotto costrizione in base a un piano preordinato?
    Ma non c’era senso a pensarci adesso per impazzire. L’unica cosa che poteva fare era agire per il meglio e sperare che la realtà fosse, nel suo caso, proprio quella che gli sembrava.
    Poi si mise a correre perché davanti a lui c’era l’area aperta del terminal e una piccola astronave argentea stava atterrando in quel momento. Un piccolo apparecchio veloce ufficiale… doveva appunto essere l’investigatore speciale. Caquer girò attorno all’edificio del check-in, attraversò il cancello nella rete di filo metallico e corse verso l’astronave che aveva già toccato terra. La porta si stava aprendo.
    Un ometto segaligno scese dall’astronave e chiuse il portello dietro di sé. Quando vide Caquer sorrise.
    — Lei è Caquer? — chiese con simpatia. — L’ufficio del Coordinatore mi ha inviato qui per indagare su un caso che vi ha messo in difficoltà. Il mio nome è…
    Il tenente Rod Caquer fissava affascinato e inorridito il viso ben noto dell’ometto, il porro che aveva a lato del naso, e aspettava il seguito che stava per aggiungere quell’uomo…
    — …è Willem Deem. Possiamo andare nel suo ufficio?

7. Ruote dentro ruote

    Questo era davvero troppo per chiunque!
    Il tenente Rod Caquer, appartenente alle forze di polizia del Settore Tre, aveva ormai superato ogni limite. Come si può indagare sull’omicidio di un uomo che è stato ucciso due volte? E come dovrebbe comportarsi un poliziotto quando la vittima ricompare viva e vegeta per aiutarvi a risolvere il caso?
    Neanche quando sai che in realtà non è il… o se lo è, non è quello che i tuoi occhi ti dicono che sia e non dice ciò che i tuoi orecchi sentono.
    C’è un punto al di là del quale la mente umana non può più funzionare come si deve e quando si passa oltre quel punto ogni persona reagisce in modo diverso.
    La reazione di Rod Caquer fu di un’improvvisa e cieca collera. Diretta, per mancanza di un miglior obiettivo, contro l’investigatore speciale, ammesso che lo fosse e non si trattasse solo di un fantasma ipnotico che nella realtà non esisteva.
    Il pugno di Rod Coquer si avventò fulmineo e si scontrò col mento dell’uomo. Il che non dimostrò niente, eccetto che se l’ometto appena sceso dall’astronave era un’illusione, era un’illusione tangibile. Il pugno di Rod esplose contro quel mento come una bomba e l’ometto barcollò e cadde in avanti. Sempre sorridente, perché non aveva neppure avuto il tempo di mutare espressione.
    Cadde a faccia in giù e poi rotolò per terra, con gli occhi chiusi, sorridendo amabilmente al cielo che andava rischiarandosi.
    Caquer si chinò tremando sull’uomo e gli posò una mano sul davanti della camicia. Si, il cuore batteva regolarmente. Per un momento, Caquer aveva temuto di avere ucciso quell’uomo con quel pugno.
    Poi Caquer chiuse deliberatamente gli occhi e tastò con la mano il volto dell’uomo e il volto rispose al tatto confermandogli che era proprio il viso di Willem Deem. Sotto le dita senti il rilievo del porro sul naso, così come gli era apparso alla vista.
    Due uomini erano usciti di corsa dall’ufficio del check-in e attraversavano il campo nella loro direzione. Rod colse l’espressione dei loro visi e poi pensò al piccolo apparecchio a pochi passi da lui. Doveva uscire dalla Città del Settore Tre per avvertire qualcuno di quanto stava succedendo prima che fosse troppo tardi.
    Se solo avessero mentito riguardo il raggio d’energia che era stato interrotto nell’emissione verso l’esterno. Con un salto scavalcò il corpo dell’uomo che aveva colpito, salì di corsa a bordo dell’astronave e manovrò i comandi. Ma l’astronave non rispose. No… decisamente non avevano mentito riguardo quel raggio.
    Non aveva senso rimanere lì per combattere una lotta che non poteva decidere niente. Allora uscì dalla porta dell’astronave, dalla parte opposta a quella da cui arrivavano i due uomini e corse verso la rete metallica.
    Quella rete era elettrificata. Non abbastanza da uccidere un uomo, ma abbastanza da tenerlo attaccato finché non fossero arrivati gli uomini con i guanti di gomma a tagliare il filo e portarlo via. Ma se il raggio d’energia era interrotto, allora probabilmente era stata interrotta anche la corrente della rete.
    L’ostacolo era troppo alto per superarlo con un balzo, per cui dovette rischiare. Fortunatamente la corrente era stata tolta. Caquer scavalcò la rete senza intoppi, mentre i suoi inseguitori si fermavano e tornavano indietro per occuparsi dell’uomo caduto accanto all’astronave.
    Caquer smise di correre e si mise a camminare, ma continuò senza fermarsi. Non sapeva dove andare, ma sapeva che doveva continuare a muoversi. Dopo un po’ si accorse che i suoi passi lo stavano conducendo verso il limitare della città, sul lato nord, verso Callisto City.
    Ma era una follia. Non poteva assolutamente raggiungere Callisto City a piedi in meno di tre giorni. Ammesso sempre che riuscisse anche ad attraversare quel deserto privo di strade. E poi in tre giorni sarebbe stato troppo tardi.
    Si trovava in un piccolo parco vicino al confine nord quando si rese conto di quanto fosse futile proseguire in quella direzione. E nello stesso tempo scoprì di avere i muscoli duri e stanchi, oltre a un terribile mal di testa, per cui non gli sarebbe stato possibile proseguire a meno di avere davanti a sé una meta possibile e valida.
    Si lasciò cadere su una panchina del parco e per un po’ rimase con la testa stretta tra le mani. Non trovò nessuna risposta.
    Dopo un certo tempo sollevò lo sguardo e vide qualcosa che lo affascinò. C’era una girandola in cima a un bastone piantato nell’erba del parco, che girava vorticosamente al vento. Ora forte, ora adagio, a seconda di come tirava il vento.
    La girandola ruotava in tondo, come la sua mente. E non poteva andare altrimenti la mente di un uomo quando questi non era più in grado di distinguere la realtà dall’illusione? In tondo come la Ruota di Vargas.
    In tondo.
    Ma doveva esserci una via d’uscita. Un uomo con la Ruota di Vargas non era completamente invincibile, altrimenti come poteva il consiglio essere riuscito alla fine a distruggere le poche ruote che erano state costruite? È vero che poteva darsi che i possessori delle ruote potevano essersi distrutti a vicenda, almeno fino a un certo punto, ma doveva pure esserci stata un’ultima ruota in mano a qualcuno. In possesso di qualcuno che voleva controllare il destino del sistema solare.
    Ma le ruote erano state eliminate.
    Quindi voleva dire che si poteva farlo. Ma come? Come si poteva, se non si vedevano? E soprattutto come si poteva farlo, quando bastava che un uomo le vedesse per finire totalmente sotto controllo, a tal punto da non poterla più vedere dopo il primo barlume perché ormai la sua mente era stata completamente catturata?
    Doveva eliminare la ruota. Quella era l’unica risposta. Ma come?
    Per quanto ne sapesse lui, poteva anche darsi che quella girandola fosse la Ruota di Vargas, messa lì per creare l’illusione che fosse il giocattolo di un bambino. O forse il suo possessore, col casco in testa, stava in quel momento sul sentiero proprio davanti a lui e lo osservava, invisibile, perché alla mente di Caquer era stato ordinato di non vedere.
    Ma se l’uomo era lì, lo era veramente, e se Rod si fosse messo a vibrare fendenti con la daga, il pericolo sarebbe scomparso, no? Ma certo.
    Ma come trovare una ruota che non poteva vedere? Che non si poteva vedere perché…
    E poi, mentre fissava la girandola, Caquer intravide una possibilità, remota, ma che forse poteva funzionare.
    Gettò una rapida occhiata all’orologio e vide che erano le nove e trenta, mezz’ora prima della dimostrazione in piazza. E la ruota e il suo possessore sarebbero certo stati lì.
    Dimenticando i dolori ai muscoli, il tenente Rod Caquer, prese a correre per tornare verso il centro della città. Le strade erano deserte. Erano tutti andati in piazza, naturalmente. Così era stato loro ordinato di fare.
    Dopo qualche isolato si trovò senza fiato e dovette rallentare l’andatura, riducendola a una rapida camminata, ma avrebbe avuto il tempo di arrivare là prima che fosse tutto finito, anche se gli fosse sfuggito l’inizio.
    Sì, poteva andare là. E se l’idea funzionava…
    Erano quasi le dieci quando passò davanti all’edificio che ospitava il suo ufficio e continuò per la sua strada. Qualche porta più avanti svoltò e entrò in un palazzo. L’uomo dell’ascensore era scomparso ma Caquer azionò lui stesso l’ascensore e un minuto dopo aveva forzato una porta con dei ferri che aveva sempre con sé ed era entrato nel laboratorio di Perry Peters.
    Anche Peter non c’era, naturalmente, ma gli occhialoni erano lì, gli occhialoni speciali coi tergilenti da usarsi nelle miniere di radite.
    Rod Caquer se li infilò sugli occhi, si infilò in tasca la batteria motrice e toccò il pulsante sul lato dell’apparecchio. Gli occhialoni funzionavano. Riusciva a vedere qualcosa mentre i tergilenti oscillavano avanti e indietro. Ma un minuto dopo si fermarono.
    Naturale. Peter l’aveva avvertito che gli alberini di trasmissione si surriscaldavano e si dilatavano dopo un minuto di funzionamento. Be’, forse non avrebbe avuto importanza. Un minuto poteva essere più che sufficiente e ora che avrebbe raggiunto la piazza, il metallo si sarebbe raffreddato.
    Ma doveva riuscire a variare la velocità. Fortunatamente tra le varie cose che ingombravano il banco di lavoro riuscì a trovare un piccolo reostato che collegò con del nastro adesivo a uno dei fili che andava dalla batteria agli occhiali.
    Era il meglio che potesse fare. Non c’era tempo per provare l’apparecchio adesso. Rialzò gli occhialoni sulla fronte e corse fuori in corridoio, dove prese l’ascensore per scendere al livello stradale. Un momento dopo correva verso la piazza pubblica a due isolati di distanza.
    Quando vi arrivò, si trovò ai bordi della folla raccolta davanti al palazzo della Reggenza che guardava in alto verso i due balconi dell’edificio. Su quello più in basso c’erano parecchie persone che riconobbe subito: il dottor Skidder, Walter Johnson. Non mancava neppure il tenente Borgesen.
    Sul balcone superiore il Reggente Barr Maxon era solo e parlava alla folla in basso. La sua voce sonora elaborava eleganti frasi che inneggiavano alla potenza dell’impero. A poca distanza da sé, in mezzo alla folla, Caquer scorse i capelli grigi del professor Gordon e la bella testa bionda di Jane accanto a lui. Si chiese se anche loro erano sotto l’effetto ipnotico. Ma certo dovevano essere anche loro sotto controllo, altrimenti non sarebbero stati lì. Si rese conto, allora, che non sarebbe servito niente parlar loro per informarli di quanto stava per fare.
    Il tenente Caquer si fece scivolare gli occhialoni sugli occhi e rimase momentaneamente accecato perché i bracci del tergilenti erano nella posizione sbagliata. Ma le sue dita trovarono il reostato, lo regolarono sullo zero, poi cominciarono a spostarlo lentamente sul massimo.
    Infine quando i tergilenti iniziarono la loro frenetica danza e accelerarono riuscì a vedere nebulosamente. Si guardò attorno attraverso le lenti ad arco. Sul balcone inferiore non vide nulla di insolito, ma su quello superiore la figura del Reggente Barr divenne improvvisamente indistinta.
    C’era un uomo in piedi sul balcone superiore e in testa aveva uno strano casco con dei fili e, in cima, una ruota di dieci centimetri con specchi e prismi.
    Una ruota che appariva ferma per via dell’effetto stroboscopico degli occhialoni meccanici. Per un istante la velocità dei tergilenti sì sincronizzò con la rotazione della ruota, cosicché ogni volta che la ruota compariva era sempre nella stessa posizione e all’occhio di Caquer era immobile, e quindi poteva vederla.
    Poi gli occhiali si bloccarono.
    Ma ormai non ne aveva più bisogno.
    Ormai sapeva che Barr Maxon, o chiunque si trovasse là sul balcone, era colui che portava la ruota.
    Silenziosamente e cercando di attrarre la minore attenzione possibile, Caquer fece il giro della folla e raggiunse la porta secondaria del palazzo della Reggenza.
    C’era una guardia lì.
    — Mi spiace, signore, ma nessuno…
    Poi cercò di scansarsi, ma era, troppo tardi. Il piatto della daga del tenente di polizia Rod Caquer lo colpì alla testa.
    L’interno dell’edificio sembrava deserto. Caquer salì di corsa le tre rampe di scale che l’avrebbero portato al piano del balcone superiore e si infilò nel corridoio in direzione del balcone.
    Quando vi irruppe di corsa, il Reggente Maxon si voltò. Maxon adesso non aveva più il casco in testa. Caquer aveva perso gli occhialoni, ma sia che li vedesse o no, Caquer sapeva che casco e ruota erano ancora là e funzionavano perfettamente. Non aveva altra scelta.
    Maxon si girò e vide il viso del tenente Caquer e la daga sguainata.
    Poi, bruscamente la figura di Maxon svanì. A Caquer sembrò che la figura davanti a lui fosse quella di Jane Gordon, ma sapeva bene che non era così. Jane lo guardava supplicante e gli parlava in tono straziante.
    — Rod, non… — cominciò a dire.
    Ma sapeva che non era Jane. Il manipolatore della Ruota di Vargas aveva semplicemente diretto contro di lui un pensiero per difendersi.
    Caquer sollevò la daga e l’abbassò con violenza.
    Ci fu uno spicinìo di vetri e il tintinnìo di metallo contro metallo, mentre la sua spada spaccava in due il casco.
    E naturalmente adesso non c’era più Jane… solo un uomo morto steso a terra, col sangue che filtrava dalla fenditura di uno strano e complicato casco ora del tutto a pezzi. Un casco che ora tutti potevano vedere come lo vedeva il tenente Caquer.
    Così come tutti, compreso Caquer, ora riconobbero l’uomo che l’aveva indossato.
    Un ometto segaligno, con un antiestetico porro a lato del naso.
    Sì, era proprio Willem Deem. E questa volta, Rod Caquer sapeva che era veramente Willem Deem…

* * *

    — Credevo, — disse Jane, — che saresti partito per Callisto City senza neanche salutarci.
    Rod Caquer gettò il cappello verso il gancio.
    — Oh, per quello, — disse, — non sono neppure sicuro che riuscirò ad avere la promozione a coordinatore di polizia laggiù. Ho una settimana per decidere e per tutto questo tempo rimarrò in città. Tu come va, Ghiacciolo?
    — Benissimo, Rod. Siediti. Papà rientrerà a casa presto e so che ha un sacco di cose da chiederti. Sai, è dal giorno di quella manifestazione di massa che non ci siamo più visti.
    Strano come a volte può essere ottuso anche un uomo intelligente.
    Ma del resto le aveva fatto tanto spesso la sua proposta ed era sempre stato respinto che non era poi tutta colpa sua.
    Si limitò a guardarla.
    — Rod, nei notiziari non hanno mai fornito una versione completa dei fatti, — disse Jane. — Lo so che dovrai ripeterla ancora tutta per mio padre, ma intanto che lo aspettiamo, perché non mi anticipi qualcosa?
    Rod sorrise.
    — Non c’è sotto niente di particolare, Ghiacciolo, — le disse. — Willem Deen aveva messo le mani su un libro dell’Indice Nero e aveva scoperto come costruire una Ruota di Vergas. Così se ne è costruita una e questa gli ha messo in testa delle idee.
    — La prima è stata quella di uccidere Barr Maxon e prendere il suo posto di Reggente, regolando il casco in modo da apparire lui come Maxon. Poi ha messo il corpo di Maxon nel suo negozio e si è divertito con la messa in scena del suo omicidio. Aveva un distorto senso dell’umorismo e si è divertito un mondo a farci correre in tondo.
    — Ma come ha fatto a fare tutto il resto? — chiese la ragazza.
    — Be’, era là come Brager e ha finto di scoprire il proprio corpo. Poi ha fornito una descrizione delle cause della morte e ha indotto Skidder, me e quelli del Servizio Sanitario a vedere ognuno il corpo di Maxon in modo diverso. Niente di strano che per poco non siamo ammattiti tutti quanti.
    — Ma Brager ricordava anche lui di essere stato là, — obbiettò la ragazza.
    — Brager in quel momento era all’ospedale, ma Deem l’ha visto più tardi e gli ha impresso nella mente il ricordo di avere scoperto il corpo di Deem, — le spiegò Caquer. — Così naturalmente Brager era convinto di essere stato là.
    — Quindi ha ucciso il segretario particolare di Maxon, perché questi, essendo così vicino al Reggente, doveva aver sospettato che c’era qualcosa di storto anche se non riusciva a capire cosa. E questo è stato il secondo cadavere di Willem Deem, il quale cominciava davvero a divertirsi sul serio quando ci ha tirato quello scherzo.
    — E naturalmente non aveva mai inviato alcun messaggio a Callisto City con la richiesta di un investigatore speciale. Aveva solo voluto divertirsi alle mie spalle, facendomi credere di incontrarlo e facendo poi saltare fuori che il tizio era ancora una volta Willem Deem. Credo che in quel momento ci sia mancato poco che diventassi davvero pazzo.
    — Ma, Rod, come mai non eri anche tu sotto la completa influenza della ruota, come gli altri… mi riferisco alla faccenda di conquistare Callisto e tutto il resto? — chiese Jane. — Tu eri libero da quella parte di ipnosi.
    Caquer si strinse nelle spalle.
    — Forse perché ho perso il comizio televisivo di Skidder, — suggerì. — Naturalmente non si trattava di Skidder, ma di Deem col suo dannato casco. E forse mi ha lasciato deliberatamente fuori, perché da buon psicopatico si stava divertendo troppo vedendo che mi accanivo a cercare di indagare sugli omicidi di due Willem Deem. È difficile dirlo. Forse la tensione mi aveva alterato psicologicamente e per quella ragione ero parzialmente refrattario all’ipnosi di gruppo.
    — Credi che volesse davvero cercare di governare su tutta Callisto, Rod? — chiese la ragazza.
    — Purtroppo non sapremo mai con certezza fin dove volesse o si aspettasse di arrivare. Dapprima voleva solo compiere degli esperimenti con i poteri dell’ipnosi per mezzo della ruota. Quella prima notte ha fatto uscire la gente di casa, mandandola per le strade, e poi l’ha rimandata indietro, facendole dimenticare tutto quanto era successo. Indubbiamente si trattava solo di un test.
    Caquer fece una pausa e aggrottò la fronte pensieroso.
    — Era chiaro che si trattava di uno psicopatico, però, e non osiamo neppure immaginare quali fossero i suoi piani, — continuò. — Tu sai come funzionavano gli occhiali che hanno neutralizzato la ruota, vero Ghiacciolo?
    — Credo di sì. Quella è stata un’idea davvero brillante, Rod. È come quando riprendi su film una ruota che gira, vero? Se la cinepresa si sincronizza con la velocità di rotazione della ruota, così che ogni successiva immagine la mostra dopo una rivoluzione completa, allora sembra che nel film la ruota sia immobile.
    Caquer annuì.
    — Proprio così, — disse. — È stato davvero un colpo di fortuna avere avuto la possibilità di mettere le mani su quegli occhiali. Solo per un secondo ho potuto vedere sul balcone un uomo con in testa un casco… ma è quanto mi bastava sapere.
    — Ma Rod, quando sei corso sul balcone non avevi più gli occhiali. Perché Deem non ti ha fermato con l’ipnosi?
    — Be’, non c’è riuscito. Penso che non abbia avuto il tempo di mettermi sotto controllo. Così mi ha proiettato solo un’immagine. Non è stato né Barr Maxon né Willem Deem quello che mi sono trovato davanti all’ultimo momento. Sei stata tu, Jane.
    — Io?
    — Sì, tu. Penso che sapesse che sono innamorato di te e quella è stata la prima cosa che gli è balenata nella mente, che non avrei mai osato adoperare la spada se pensavo di avere te di fronte. Ma io sapevo che, nonostante ciò che mi dicevano gli occhi, quella non eri tu e ho colpito.
    Caquer rabbrividì leggermente ricordando lo sforzo di volontà che aveva dovuto fare per abbassare la daga.
    — La cosa peggiore è stata che ti ho visto lì davanti a me come ho sempre desiderato vederti… con le braccia protese verso di me e negli occhi un’espressione innamorata.
    — Così, Rod?
    E questa volta il tenente Rod Caquer non fu troppo ottuso per non capire al volo.
Top.Mail.Ru